crp@federscacchipuglia.it

FSI   FIDE   CONI  

STAMPA


A cura di

Marika Chirulli

FOTOALBUM

NEWS

Pagina 1 di 25  -  Totale notizie: 247


CIAO PIERO...
Ci ha lasciato questa notte uno dei più grandi Divulgatori Scientifici che l'Italia abbia avuto l'onore di annoverare tra i suoi cittadini: Piero Angela. Entrò nelle nostre case nell'ormai lontano 1981 con la trasmissione "Quark" e da allora è sempre stato un ospite gentile e sorridente, capace di trasmettere la conoscenza dei vari fenomeni naturali con una semplicità di linguaggio che, solo chi ne possiede la visione globale, è capace di utilizzare. Questo accade quando la Scienza permea la tua essenza, ti scorre nel sangue e ti permette di elevarti al di sopra delle futilità quotidiane. Tutto il nostro Paese oggi lo piange, era il "nonno saggio" che ci insegnava tanto, facendo quasi toccare con mano ciò che desiderava trasmettere. Il suo motto era: "Ludendo docere" (dal latino "insegnare divertendo). In particolar modo è in lutto l'Italia scacchistica, poichè Piero Angela, tra i suoi molteplici interessi, era un appassionato di Scacchi e li portava come esempio in molte delle sue citazioni. Colpisce quando spiega la realtà del nostro Paese con gli Scacchi, durante una intervista su Radio Capital. Afferma che: "Per giocare bene non bisogna mangiare subito dei pezzi ma avere una strategia. Noi invece ci occupiamo troppo dell'immediato. Abbiamo perso il senso della collettività. La ricetta è essere più seri, ma abbiamo perso anche questo. Ormai viviamo alla giornata, avremmo bisogno di esempi che purtroppo mancano". Nel buio, però, il conduttore di Quark vede la luce: "I problemi esistono ma si possono risolvere. Ci sono tanti giovani che studiano e sono bravi, tanta gente perbene. Basta valorizzare quello che abbiamo invece di litigare". Anche in quest'ultima asserzione dimostra lo spirito dello Scacchista che, durante una partita, tra i vari obiettivi ha proprio quello di risolvere situazioni problematiche e di valorizzare i suoi pezzi sulla scacchiera. La visione del futuro di Piero Angela era incerta, paragonabile al prevedere cosa potrebbe accadere dopo 50 o 70 mosse durante una partita di Scacchi. Si mostrava al contempo preoccupato, perché agiamo come i principianti che mangiano tutti i pezzi possibili per avere un vantaggio immediato, perdendo d’occhio la strategia e posizionando male i nostri pezzi, e speranzoso, perché sebbene non si possa prevedere nulla, giocando bene avremo più possibilità di vincere rispetto al presente nel quale, sicuramente, perderemo la partita! Durante la sua lunga vita ci ha donato tanto e forse avremmo avuto bisogno di altrettanti anni della sua esistenza per maturare. Nel suo ultimo messaggio, come in un testamento, ci ha anche lasciato un’eredità importante e pesante. Scrive così: “... ho cercato di raccontare quello che ho imparato. Carissimi tutti, penso di aver fatto la mia parte. Cercate di fare anche voi la vostra per questo nostro difficile Paese. Un grande abbraccio Piero Angela” Come un genitore che ci indica la strada da percorrere, anche dopo la sua morte, Piero Angela ci ha tracciato la via migliore da seguire, per cercare di migliorare l’esistenza in un Paese tanto bello ma al contempo tanto difficile come l’Italia. Forse, senza che ce ne rendessimo conto, si è affidato principalmente proprio a noi scacchisti! Non dovrebbe essere difficile, basterà impegnarci a giocare una bella partita al massimo livello che ci è consentito dalle nostre possibilità e conoscenze. Pertanto, ascoltiamo il suo suggerimento: mettiamo da parte i litigi o i problemi sterili che in questi ultimi mesi stanno rovinando e degradando l’ambiente scacchistico e puntiamo tutto sui successi dei nostri atleti e sulla “migliore qualità di gioco possibile”. Tutto ciò sempre nell’unità di intenti, così come recita il nostro motto: “Gens una sumus”. Questo ci ha insegnato e chiesto di portare avanti Piero Angela che, da ora in poi, guarderà dall’alto le miserie umane con lo stesso sorriso di colui che: ci ha insegnato il peso delle parole e che queste non dividono, ma uniscono; che la scienza non è prerogativa di pochi e che la curiosità è il motore della vita. Infine che: “Il peggior nemico della cultura è la noia, la mancanza di chiarezza o l’assenza di creatività”. Gli Scacchi, dunque, sono i migliori amici della Cultura, della Pace e del Futuro! Grazie Piero Angela. Al seguente link la bellissima puntata di “Superquark” nella quale si parla degli Scacchi. RAI1 - SuperQuark - Educazione - Scacchi - Olimpiadi Scacchi Torino 2006 https://www.youtube.com/watch?v=8fvLcDTc7ZA
Pubblicato il 13/08/2022


STAGE SCUOLA REGIONALE DI SCACCHI PUGLIA
Il 17, 18 e 19 Giugno si è svolto lo stage conclusivo dell'anno accademico 21/22, che ha visto nascere e delinearsi la SCUOLA REGIONALE DI SCACCHI in PUGLIA. Lo scorso Novembre hanno cominciato il loro percorso dieci piccoli scacchisti U10: Simone Briganti, Maria Ciccimarra, Giorgio Ciccone, Alice Corsano, i tre fratellini Antonio, Elisa e Giuseppe Cuonzo, Davide Nuzzi, Gabriele Serravezza e Alessandro Vena, provenienti da tutte le parti della Puglia. Questo primo anno didattico, svoltosi sotto l'occhio attento del Direttore Pierluigi Piscopo e la guida meticolosa degli istruttori Jiji Delfino e Francesco Messina, è stato solo il preludio di un lavoro più ampio e capillare. Sicuramente più coinvolgente, giacchè la Scuola Regionale è patrimonio di tutta la Puglia scacchistica. Questi tre giorni sono stati intensi. Venerdì lo stage è iniziato con la distribuzione delle divise da parte di Vincenzo Pennacchia e Domenica si è concluso con la consegna degli attestati, accolti con grande entusiasmo da tutti i piccoli allievi. Nel frattempo tanti Scacchi alternati a momenti di svago. Si sa, il modo migliore di imparare è divertendosi! I bambini hanno creato un gruppo affiatato e coeso, così come i genitori, tutti uniti sotto l'egida del Nobil Gioco. Adesso il CIG U18 a Terrasini aspetta i nostri piccoli atleti pugliesi, che seguiremo passo dopo passo con risultati e performance. Link per Facebook: www.facebook.com/ScuolaScacchiPuglia Link per Instagram: www.instagram.com/scuolascacchipuglia/
Pubblicato il 21/06/2022


DONNA O REGINA?
Le regole del gioco degli sacchi precorrono i tempi riguardo il ruolo della donna nella società moderna e ci impartiscono una importante lezione di vita. Dedicato a tutte le Donne, in particolare a quelle coinvolte nelle guerre che si stanno combattendo in tutto il mondo e subiscono violenze quotidianamente. L'auspicio è che questa barbarie fisica e psicologica cessi quanto prima! (Articolo estratto dal Numero 12 del 20 marzo 2015 pagina 28 di ExtraMagazine)
File allegato (application/pdf - 740 Kb) - Pubblicato il 08/03/2022


“LE MOSSE MIGLIORI PER DARE SCACCO MATTO A VLADIMIR PUTIN”
La FIDE annulla le Olimpiadi di Scacchi a San Pietroburgo e il campione e dissidente politico Garry Kasparov, a seguito dell’attacco della Russia all’Ucraina, torna agli onori della cronaca con alcuni suggerimenti per porre fine a questa guerra pericolosissima per tutto il mondo. (In allegato l'articolo)
File allegato (PDF File - 666 Kb) - Pubblicato il 28/02/2022


ALLIEVI DELLA SCUOLA REGIONALE DI SCACCHI: Gabriele Serravezza
Gabriele Serravezza, 7 anni, è di Nardò, in provincia di Lecce, ed è tesserato con l'Accademia Scacchi di Pisignano. Oggi allievo dell'Istruttore FSI Stefano De Giorgi, si è avvicinato da circa un anno al Nobil Gioco, grazie alla serie televisiva "La Regina degli Scacchi". Biondo come un angioletto, occhietti vispi e tanta tanta energia, Gabriele da poco si è qualificato alle Finali Nazionali del Campionato Italiano Giovanile Under18. I suoi supereroi non sono Batman o Spiderman ma gli scacchisti Carlsen e Nakamura. Gabriele, inoltre, non trascorre il suo tempo libero sulla Play Station o sulla XBox, ma si diverte tanto con "Puzzle Racer", un gioco di scacchi online. Da qualche mese è stato selezionato dalla Scuola Regionale di Scacchi proprio per le sue spiccate doti nel gioco e la frequenta con piacere e orgoglio. Esempio di una infanzia sana, Gabriele ha ben compreso che far parte della Scuola Regionale rappresenta uno degli obiettivi più importanti che si possano raggiungere alla sua età. Da bravo scacchista non perde una lezione e partecipa a tutti i tornei di Scacchi, senza preoccuparsi della distanza. Noi, ovviamente, auguriamo a questo piccolo scacchista di raggiungere tutti i traguardi che si proporrà. AD MAIORA piccolo grande Campione!
Pubblicato il 25/02/2022


IL CONSIGLIERE ANGELO MARTORELLI VISITA SCACCHI ROSSI
Le attività dell'associazione SCACCHI ROSSI non si fermano. Nel week end del 27 e 28 novembre scorso, infatti, ha organizzato il 6° Campionato Giovanile Città di Altamura, valido per la qualificazione alla Fase Nazionale del 2022. Numerosa la presenza dei giocatori che si sono sfidati sul quadrato di gioco. Atleti provenienti da tutte le province della Puglia hanno trascorso un week end di gioia e divertimento, a dimostrazione dell'affetto e del rispetto che SCACCHI ROSSI riscuote da parte di molti amici. Il campionato ha permesso la qualificazione di Elena Angiulli, Davide Nuzzi, Elisabetta Colucci, Giuseppe Dilena, Fabio Logallo, Michele Pennacchia e Alberto Morgese, atleti dell'associazione SCACCHI ROSSI, e di Gabriele Serravezza e Pasquale Romagno, provenienti da altri circoli della Puglia. Importante e lusinghiera per SCACCHI ROSSI è stata la presenza del consigliere nazionale della FSI Angelo Martorelli, che ha sottolineato come il gioco degli scacchi sia entrato tra le discipline associate al CONI e ha evidenziato il ruolo dei volontari, grazie ai quali le associazioni riescono a restare in vita. Ha annunciato, anche, che la finale del campionato italiano si svolgerà a Terrasini in Sicilia nel mese di luglio. Presente anche la consigliera del CRP Marika Chirulli, in veste di amica più che di rappresentante del comitato, la quale ha comunicato che la neocostituita Scuola Regionale di Scacchi, della quale faranno parte i ragazzi selezionati per merito, vede tra i suoi studenti Serravezza Gabriele, Ciccone Giorgio e Nuzzi Davide, partecipanti al torneo. Tra gli ospiti anche il direttore della Scuola di Scacchi di 1° e 2° livello di Scacchi Rossi, Gaetano Prencipe e l'istruttore Alessandro Poggiolini. La presidente dell'Accademia Scacchi di Altamura Lucrezia Baldassarra, che ha portato il saluto dell'altra associazione altamurana impegnata, nella promozione e diffusione del Nobil Gioco, con professionalità e dedizione. Ancona una volta SCACCHI ROSSI ha dimostrato competenza, impegno e serietà. (La fonte dell'articolo e l'album fotografico sono presenti nel link)
Pubblicato il 18/01/2022


MARCELLO PERRONE PREMIATO AL GALA' DEGLI SCACCHI
Lo scorso dicembre, in occasione del Galà degli Scacchi, il pugliese Marcello Perrone, docente di matematica e fisica, è stato insignito del Premio alla Carriera. Meritatissimo riconoscimento giacché da circa 25 anni opera alacremente per la Federazione Scacchistica Italiana e per ben 22 è stato Consigliere federale e, nel primo periodo del suo mandato, ha fatto anche parte della Commissione Giovanile. E' stato uno dei promotori principali del progetto Scacchi Sport a Scuola e dei Centri Giovanili CONI-FSI (le attuali Scuole di Scacchi). Ma la sua brillante carriera scacchistica non si esaurisce con questi incarichi, perché Marcello è stato Presidente di due Commissioni: la Giovanile per 10 anni e la Commissione SNAQ per 4 anni e, dopo 7 anni, la FSI lo ha riconfermato nella Direzione del CIGU18. Queste sono solo alcune delle nomine che hanno comportato tanto impegno, profuso con immensa passione e culminata nella stesura del libro "Scaccomatica. I conti della regina. La matematica gioca a scacchi". E' un'opera nella quale si fonde la passione dello scacchista, la competenza nel settore scientifico, in particolare nella matematica, e l'umanità che contraddistingue Marcello. Questo testo dovrebbe entrare di diritto nell'elenco dei libri adottati nelle scuole per l'insegnamento di una disciplina apparentemente astratta, quale è la matematica, che si concretizza attraverso il Nobil Gioco. Scorrendo le sue pagine si traggono svariati spunti per trasmettere la conoscenza della materia attraverso la scacchiera. Per riassumere quanto esposto, riporto fedelmente la prefazione del libro: "Il vero scacchista è un abile calcolatore che per vincere deve saper prevedere almeno una mossa in più dell'avversario. Capacità di calcolo analoghe sono alla base della matematica, tanto che secondo alcuni studiosi gli scacchi sarebbero nati e si sarebbero sviluppati proprio attraverso la matematica. E "Scaccomatica" sia, dunque! La scacchiera diventa un paese delle meraviglie infinitesimale...tendente all'infinito, nel quale l'autore, prendendo spunto dalle mosse dei diversi pezzi e dalle geometrie non sempre euclidee del "campo di battaglia", ci accompagna in un viaggio fra leggende e teoremi, cenni storici e calcoli fantastici. Il lettore è sfidato in un continuo gioco sul gioco, dalle quattro operazioni elementari fino ai numeri progressivamente elevati dell'albero delle varianti, o alla stima probabilistica del valore dei pezzi. E questi, via via, inducono ad aggirarsi fra concetti affascinanti come i quadrati magici, il triangolo di Tartaglia, i numeri triangolari, la sequenza e i conigli di Fibonacci, la spirale aurea, la circolarità del cavallo, il problema delle "otto regine non interagenti", e tanti altri: una progressione cognitiva che può essere di svago, a casa, o materia di studio, nelle scuole." Questo, e molto di più, è Marcello Perrone, scacchista del quale la Puglia si può vantare ed essere orgogliosa, non solo per essere stato insignito di un premio dalla FSI, ma anche per il lavoro indefesso e per la grande umanità. Ad Maiora Marcello! (Nel link si può apprezzare una intervista della redazione della testata web "Letture.org" a Marcello Perrone, redatta in occasione della pubblicazione del suo libro, nella quale emerge la sua personalità a tutto tondo.)
Pubblicato il 18/01/2022


L'ASD SCACCHI ROSSI E GLI SCACCHI PER CORRISPONDENZA: RITORNO ALLE ORIGINI DEL NOBIL GIOCO
Durante le feste appena trascorse, la Sindaca della città di Altamura, Rosa Melodia, ha voluto donare un riconoscimento agli atleti Alberto Morgese e Michele Pennacchia per essere diventati Campioni Italiani di Scacchi per Corrispondenza nel 6° Campionato italiano. Inoltre, Michele si è laureato Campione Italiano Under 16 nel 7° Campionato italiano di scacchi per corrispondenza. Ma facciamo un passo indietro. Il 20 novembre scorso Altamura si è colorata di bianco e di nero, i colori della scacchiera. La città delle Murge, infatti, ha avuto l'onore di ospitare il Consiglio Direttivo neo eletto dell'A.S.I.G.C.,ossia l'Associazione Scacchistica Italiana Giocatori per Corrispondenza. Esso risulta composto dai signori Alberto Collobiano, Gianni Mastrojeni, Giorgio Ruggeri Laderchi, Mauro Graziani, Alberto Dosi, Mirko Trasciatti, Carmelo Sgarrito, Marco Caressa. E' stato eletto Presidente Gianni Mastrojeni, Vice Presidente e Delegato Internazionale Giorgio Ruggeri Laderchi, Segretario Generale dei tornei Mauro Graziani e Tesoriere Alberto Dosi. Inoltre erano presenti anche il Presidente del Collegio dei Probiviri Alfonso Carolei e gli amici Luz Marina Tinjaca, collaboratrice esterna, Maurizio Sampieri, ex Vice Presidente. Questa disciplina trova le sue origini nella storia allorquando i due giocatori risiedevano in località diverse e giocavano una partita a scacchi. Entrambi avevano una scacchiera sulla quale muovevano i propri pezzi e quelli dell'avversario. Il tutto veniva trasmesso attraverso l'invio di cartoline ad hoc, sulle quali si segnava la coordinata della mossa effettuata e poi spedite all'avversario. Oggi il gioco per corrispondenza ha subito tante trasformazioni. Grazie allo sviluppo di programmi e all'evolversi della tecnologia, i giocatori si ritrovano su una piattaforma e, accedendo con le proprie credenziali, giocano a scacchi. La differenza è data dal tempo, infatti mentre nel gioco al tavolo le partite si concludono in pochi minuti, al massimo in qualche ora; negli scacchi per corrispondenza le partite possono durare mesi, anche anni, perché il tempo a disposizione dei giocatori per effettuare una mossa viene scandito in giorni. Alla fine dei lavori, il consiglio direttivo ha premiato Michele Pennacchia e Alberto Morgese, entrambi iscritti all'associazione ASD SCACCHI ROSSI, Scuola di Scacchi di 1° e 2° livello di Altamura, il cui Direttore, Gaetano Prencipe (nella foto), è stato insignito del Chess Correspondence Expert e Maestro ASIGC. Il neo eletto presidente Gianni Mastrojeni ha ringraziato Francesco Perniola, presidente dell'A.S.D. SCACCHI ROSSI per l'ospitalità e Vincenzo Pennacchia per la disponibilità. La Sindaca della città, Rosa Melodia, presente al convivio, ha elogiato il Nobil Gioco dichiarandosi onorata, come cittadina di Altamura, per la scelta di svolgere la prima riunione del nuovo Consiglio Direttivo proprio nella sua città. Il Presidente Perniola ha spiegato le ragioni della nascita dell'A.S.D. SCACCHI ROSSI che racchiude nella propria anima due distinte passioni, quella degli scacchi, appunto, e quella della Ferrari di Formula 1. Infatti, SCACCHI ROSSI è Headquarter della Scuderia Ferrari Club. Il Presidente Mastrojeni, infine, ha affermato che, nel prossimo anno, appena ci sarà occasione, proporrà di convocare un nuovo consiglio ad Altamura. (La fonte dell'articolo e l'album fotografico sono presenti nel link)
Pubblicato il 17/01/2022


DA PULSANO AI MONDIALI: ANTONIO VARVAGLIONE SI QUALIFICA OTTAVO
Tutto cominciò qualche anno fa con il film della saga di Harry Potter, "La pietra filosofale", che conquistò l'allora bambino Antonio Varvaglione. Da quel momento gli Scacchi sono diventati un elemento basilare nella sua giovane vita e non sono mancate le gioie, le soddisfazioni e le vittorie. Sempre sorretto dalla energica ed esemplare mamma, Rosi De Luca, che non si è mai risparmiata per consentire ad Antonio di percorrere la sua strada, accompagnandolo ovunque, senza mai trascurare la famiglia e il lavoro. Dal circolo di Taranto, in particolare dal suo paese, Pulsano, si è trovato catapultato ai Mondiali di scacchi per disabili, che si sono tenuti on line nei giorni scorsi e conclusisi il 13 novembre. Antonio si è classificato ottavo su 249 partecipanti, con un punteggio di 7,5 su 9. Grande performance, grande risultato, grande orgoglio per Taranto e tutta la provincia, soprattutto per la Puglia. Auguriamo a questo Campione di ottenere risultati sempre più importanti e di progredire ancora fino a conquistare la vetta.
Pubblicato il 17/11/2021


LA SCUOLA REGIONALE DI SCACCHI APRE I BATTENTI
La pandemia ha rappresentato un lungo periodo di deprivazione sotto ogni aspetto: da quello affettivo a quello sociale e lavorativo. Ma se c'è un fuoco che non è riuscito a spegnere è quello che arde nel cuore degli scacchisti: la passione per il Nobil Gioco. Ed ecco che la Puglia, nel lungo cammino verso la normalità, rilancia e alza la posta istituendo la SCUOLA REGIONALE DI SCACCHI. L'istituzione diretta dal Maestro Internazionale Pierluigi Piscopo, con il supporto del Comitato Regionale Pugliese, ha lo scopo di preparare e lanciare i giovani talenti scacchistici Under 10, con la speranza di ritornare alle passate glorie sul territorio nazionale e non solo. La prima classe dell'anno 2021/2022, composta da otto piccoli giocatori, è stata selezionata dai tre Istruttori FSI coinvolti nella formazione: Pierluigi Piscopo, Jiji Delfino e Francesco Messina. Come dei veri "talent scout" hanno seguito, esaminato e analizzato le potenzialità dei piccoli, inserendoli in un progetto che, pur non essendo sperimentale, perché già collaudato dal nostro Direttore, si spera che assuma nel tempo più ampio respiro. Le lezioni si svolgeranno settimanalmente e il corso avrà durata annuale. Sono, inoltre, previsti due stage con cadenza semestrale, in data da definire, prima delle competizioni nazionali. Tutti speriamo che questi piccoli scacchisti vivano questa avventura con gioia, passione, impegno, soprattutto che, di rimando, si raggiungano risultati soddisfacenti e che i nostri "pugliesini" tornino ad occupare i gradini dei podi più ambiti in Italia e anche all'estero.
Pubblicato il 29/10/2021


Indietro   [ 1 ][ 2 ][ 3 ][ 4 ][ 5 ][ 6 ][ 7 ][ 8 ][ 9 ][ 10 ][ 11 ][ 12 ][ 13 ][ 14 ][ 15 ][ 16 ][ 17 ][ 18 ][ 19 ][ 20 ][ 21 ][ 22 ][ 23 ][ 24 ][ 25 ]   Avanti

Risoluzione grafica minima consigliata: 1024 x 768 - Sito realizzato da Giuseppe Rinaldi